_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

22 settembre 2008

LA CONVENZIONE DI GINEVRA

La scena dell'allucinazione era brutalmente sincera. Ho sentito i suoni della festa appannati e la musica ne usciva come un sovrappensiero. Ed è la prima cosa che noto di ogni allucinazione: gli effetti sul mio senso dell'udito.

Oggi è quel ventidue lì. Quindi, per la convenzione di Ginevra, oggi ho il diritto di essere triste e meditabondo. Non la città di Ginevra, ma Ginevra, la cornificatrice di Re Artù. Pensavo a quei giochini tipo "Elenca 5 cose per cui vale la pena vivere e 5 per cui vale la pena morire". Non riporto la lista che mi sono immaginato, ma ho notato una cosa curiosa: i cinque motivi della prima lista erano gli stessi della seconda. Non c'è quindi differenza tra la vita e la morte? O la mia formazione è così cavalleresca che vale la pena vivere solo per quello per cui si è pronti a dare la vita? Ricordate che ho il salvacondotto per il malumore. Se per quel breve lasso di felicità passata, io provo gioia invece di tristezza, va bene uguale?

Ecce crucem domini, fugite partes adversae. Vicit leo, de tribu juda, radix david.
Alleluja, alleluja

13 commenti:

Squilibrato ha detto...

Per la convenzione di Ginevra e per un commento in un post precedente, nemmeno del mio onomastico non si è ricordato nessuno. Nemmeno i miei genitori con cui ho trascorso maggior parte delle mie ore da lucido. Alla sera l'ho pure detto esplicitamente ad una ragazza che era il mio onomastico. Risposta: "Ah si?".

Controrisposta: "No".

"Solo una cosa so di sicuro: vorrei raschiare la mia faccia contro il muro.
Solo una cosa so di sicuro: lasciare andare tutto il mio dolore contro questo muro.
So di sicuro: lasciare andare la mia faccia contro il muro.
Solo una cosa so di sicuro: vorrei raschiare tutto il mio dolore contro-questo-muro."
RITORNELLO DI "ALBASCURA". SUBSONICA

Anonimo ha detto...

"Oggi è quel ventidue lì. Quindi, per la convenzione di Ginevra, oggi ho il diritto di essere triste e meditabondo."
Oggi. E domani è il ventitrè. Per oggi passi, per domani no.

Veramente, non ne sapevo di niente dell'onomastico! I compleanni ci sono ancora, ma gli onomastici nu..sarà che non ho mai festeggiato il mio, visto che non c'è (e manco voglio essere io la prima martire è_é).
Detto questo..visto che sono tornata a commentare? ^^

Anonimo ha detto...

Il mondo è pieno di GINEVRE e di dimenticanze d'onomastici.
Io adoro ricordarli ed è una bella tradizione del sud.
Avanti a paragonare vita e morte. Nascita e Morte sono la stessa cosa, ma la vita può avere motivo d'essere vissuta anche se le/la persona/e che ami, ti allontana dal muro dei Subsonica e avvolge di carezze leggere il tuo viso, se ha la sua vita intrecciata alla tua. A quel punto, morire dispiace. Non sei l'unico abbandonato alla tristezza ed i tanti chilometri dovrebbero essere consolati da soddisfazioni.
La passata felicità non può essere pagata con il veleno del futuro malessere, come un dolore da travaglio di parto.Auguri, non potevo sapere.
Sto qui per te, piccolo gioiello.
danis

gre ha detto...

Auguri per il tuo onomastico, anche se in ritardi di un giorno va bene lo stesso? Personalmente non guardo mai il calendario per cui raramente me ne ricordo...

ad ogni modo oggi ti ho pensato perché una ragazza di Casa Lions ha festeggiato il suo compleanno quindi sono tre, per ora, le persone che conosco che festeggiano il 22. Quando ne troverò altre ti avviso!!! ahahahah

bello_é_impossibile ha detto...

non ho molta dimestichezza con i santi, e non mi ricordo mai di loro, come loro d'altra parte non si ricordano di me. Non li cito mai nemmeno nelle bestemmie. Devo rimediare: San Giuseppe cane come suona? Bah... non mi soddisfa.
Figurati poi se vado a ricordarmi degli onomastici. San Matteo almeno è un ottimo ospedale.

spero di avere più tempo per produrre altri commenti organici, altresì detti stronzi. Ma purtroppo sono in un periodo di notevoli impegni, sono troppo stanco anche per dormire.
Sant'Ignazio stupratore! (questa mi garba già di più)

Soroll ha detto...

Buon omologoomonocasco.

Anonimo ha detto...

Uelà! Sempre peggio eh?!

M.R.

Anonimo ha detto...

PiEsse. Hai visto a che ora è stato postato l'intervento??
Dì la verità..l'hai fatto apposta..
:)

seize

Squilibrato ha detto...

Innanzitutto grazie per gli auguri di buon omologoomonocasco e l'ora dell'intervento l'ho vista ma non era voluta (è tornata seize!!). Vi ho praticamente costretti a farmi gli auguri, dato che l'ho scritto in un commento. Chi di voi non lo sapeva o se n'è dimenticato oppure non guarda il calendario non importa. Va bene lo stesso. Ma i miei genitori cribbio!
Non è difficile. Coincide con l'equinozio d'autunno.
Coincide con Mabon, per le streghe e significa "figlio della madre". E' la prima delle Festività dell'oscurità, quando il Dio si prepara a lasciare la Dea ed entrare nel Mondo dell' Aldilà dove regnerà come Signore delle Ombre. La separazione tra innamorati (o quella tra madre e figlia) è uno dei temi dominanti nella mitologia di questo sabbat.

San Squilibrato.

E comunque il mondo è pieno di Ginevre. Ed anche di squilibrati. Ovunque io mi giri me ne ritrovo uno o una accanto.

E poi invece non lo so.

Lo trovate divertente?

Squilibrato ha detto...

VENDO A MODICA CIFRA, CAUSA INUTILIZZO, OTTO FETTE D'IRA.

Soroll ha detto...

22, il numero di Kakà.
Comunque di ira ne ho in eccedenza, in magazzino, anch'io svendo tutto causa fallimento.

ALIAS ha detto...

Chi sei veramente? Io cerco il bimbo che si nasconde dentro al suo piccolo mondo buio. Siamo tutti soli, io non festeggio il mio compleanno da 4 anni, cioè da quel 30 giugno che ho dovuto presentarmi in tribunale per spiegare perchè mia madre voleva togliermi l'unica cosa che mi fa gioire a questo mondo, mia figlia. Mia figlia è con me, ma io ho perso mia madre. Cosa cazzo me ne frega del compleanno mio. Non credi?

di-sperso ha detto...

Non conosco il tuo nome ma ho cercato i santi del 22 di Settembre. Ho trovato codesti santi:
San Maurizio, Candido, Essuperio, Vittore e compagni;
San Foca l'Ortolano;
San Settimio di Jesi;
Sant'Emmerano di Ratisbona;
Santa Basilia;