_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

28 settembre 2008

CAPITOLO SECONDO

In cui il mio Amico Immaginario fu affetto da schizofrenia, ma ora stanno bene.

La lampadina della mia camera si è fulminata, o forse si è uccisa. Mi rendo conto che illuminare posti come camera mia deve essere durissimo. Perciò inizio il secondo capitolo al buio.

Chi non ha mai provato paranoia non sa cosa significa. E questo è un pensiero paranoico. Ma chi ha sempre camminato con gli occhi fissi a terra, e un giorno decide di guardare in faccia gli altri, si scopre veramente osservato da tutti. Forse lo facevano anche prima, ma non può saperlo: non li aveva mai osservati osservarlo. Cambia questo: contemplando la punta delle proprie scarpe poteva essere sicuro che chi gli passasse accanto non avrebbe pensato ad altro che a lui. Ora che invece è proprio così, il dubbio lo assale: "Sono forse io ad essere pazzo?"

Se mi offrissero di far parte della prima missione umana sulla superficie di marte, a patto di accettare il fatto che sia una missione di sola andata e che non avrei nessuna possibilità di tornare sulla terra, la mia risposta sarebbe: "Dove si firma?"Non ci devo pensare neanche un poco. Lungi da me l'idea di voler essere immortale, ma casomai dovesse capitare preferirei non essere presente.

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Direi che sei proprio tu ad essere pazzo.

M.R.

gre ha detto...

dato che io molto spesso ho il vizio di guardare la punta delle mie scarpe mentre cammino..non mi sono mai chiesta nulla...dovrei anche io iniziare a chiedermi se sono pazza??? forse ho paura di una qualsiasi risposta...

Anonimo ha detto...

Anche non la si fosse mai provata hai espresso bene il concetto di paranoia.

Squilibrato ha detto...

Grazie a tutti. Sono commosso. OH! Grazie per la comprensione, o l'incomprensione. Comunque. Grazie.

"Occhi spalancati come un gufo, costruisco tufo su tufo un futuro che mi vede ufo.
Se mi tuffo in una mia idea mi ritrovo in apnea in una marea di diarrea. Lo trovo buffo.
Sono la chiavica campione in carica ma ho la calotta cranica che scotta come roccia lavica."

Soroll ha detto...

Cosa c'è di più paranoico di saper di essere paranoico e nonostante tutto continuare ad essere paranoico?

*°*Phoebe*°* ha detto...

Grazie mille per il commento! =)
Il tuo blog è veramente stupendo!!

Azzurra Camoglio ha detto...

A volte ho un dubbio simile sulla mia gatta: non preferirebbe essere la gatta di Madonna o di Paris Hilton? Non preferirebbe una vita sotto i riflettori?
Dici che dobbiamo estendere il concetto di coscienza anche alle lampadine?
Io le ho sostituite tutte da poco con quelle a lunga durata.

Squilibrato ha detto...

Eh lo so... questo blog è irresistibile.

"Cosa c'è di più paranoico di saper di essere paranoico e nonostante tutto continuare ad essere paranoico?"

Il farsi paranoie su questa domanda.