_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

20 novembre 2018

FARISAICISMO


Lo dico pubblicamente: io... sto morendo. Sto per morire. No, non adesso, non questa sera. Voglio dire, prima o poi. I miei attacchi di panico stanno diventando sempre più frequenti e più intensi. Ma non le prendo le stramaledette medicine, non mi faccio offuscare la mente da sostanze chimiche fintanto che riesco ad avere un'esatta visione d'insieme in questa vergognosa, violenta, prevenuta, illetterata, sessualmente repressa, dai comportamenti formalistici, ipocriti, dettati da finto zelo, società. Dove caspita è il mio brandy?

7 commenti:

Gus O. ha detto...

Ciao amico.
La società siamo noi.
Il brandy aumenta i problemi.

Squilibrato ha detto...

Oh certo, siamo noi, infatti ho detto visione d'insieme nella quale contribuisco con il mio essere spregevole. Il brandy non risolve, ma aiuta.
Ciao Gus! :)

Gus O. ha detto...

Si vede che non conosci l'alcolista. Una larva che dopo che ha smesso se beve un aperitivo va in coma.

Squilibrato ha detto...

La lampadina del mio abat-jour si è bruciata. O forse si è suicidata. Non la biasimo, non deve essere facile stare qua.

Gus O. ha detto...

Stare qui è difficile ma ci sono persone buone e non puoi lasciarle sole.
Ciao.

Lorenzo ha detto...

Le medicine fanno bene perché fanno male.

Elisa ha detto...

Prima o poi moriremo tutti.
Di qualcosa dovremmo pur morire.
Amo le frasi fatte a notte fonda.
Mi fanno sentire adeguata e mi aiutano a gestire meglio i miei attacchi di panico.