_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

18 ottobre 2010

ESEQUIENZIALE ANDIRIVENIRE

Schiarisce la voce e l'imposta, alza la mano per chiedere la parola e si alza in piedi: "Da che esiste, la scienza, senza nulla togliervi, tende a concentrarsi più sulle teorie che sui fatti. Dai fatti nasce una teoria che li illustra, mentre altri, magari scoperti in seguito, vengono omessi. Fatti nuovi che potrebbero modificare la teoria, dunque, ma che spesso vengono ignorati. Questi fatti vengono definiti anomalie, ovvero prove che non collimano. Una teoria, a volte, non basta e sembra fin troppo facile. Per questo la malìa dell'anomalia, lubrifica i miei tubi sinaptici". Si siede con un brevissimo accenno di medio dito, a sistemarsi la frangia.

6 commenti:

Silvia... ha detto...

... giusto perchè lo hai postato alle 21 e 22 !!! adoro quando ai gestacci nascondendoli in un vezzo !!!

petrolio ha detto...

anomalìe scientificamente teorizzate e messe in pratica! Questo pezzo collima collima!

Pupottina ha detto...

O_O

buon proseguimento ^___________^

Saamaya ha detto...

ragioni insufficienti alla stessa Ragione. ed l'indiscreto fascino dell'anomalia, si sa... Là hanno origine i Figli del Vento.

ilsoprammobile ha detto...

le dissonanze fanno sempre paura.

Anonimo ha detto...

applausi