_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

13 gennaio 2016

LAVORI IN SOCCORSO

Dall'ultimo colloquio con l'equipe di medici che mi segue.


Dottoressa: "Matteo, ti vediamo bene", con un accenno di sorriso.

Io: "Si, vi credo. Io invece vi vedo appannati, offuscati ed a volte doppio, ma quest'ultimo dipende dai momenti. Non capisco più da che parte pendo, cammino peggio di Jack Sparrow e spesso ho bisogno di un supporto, credo infatti acquisterò un bastone da passeggio, magari uno di quelli con il pomello in bronzo o ottone dalla struttura gufesca, che rientra nel mio stile. A volte non riesco nemmeno a portarmi il bicchiere d'acqua alla bocca e quando ci riesco, le possibilità sono che mi vada di traverso o che non riesca a deglutire, nemmeno con l'imbuto. Idem per il cibo e lì, carissimi, sono cazzi. Perdonatemi il termine e mi perdonino i cazzi per averli utilizzati a cazzo. Per non parlare dei nervi che saltano in tutta la mia parte destra, nel vero senso della parola, a rotazione, dal cranio alla pianta del piede e del senso di vertigine costante che provo, da in piedi, seduto o sdraiato che sia, che in questi ultimi giorni riesco a controllare, ma con abbondante fatica, infatti scusatemi se a volte non vi guardo negli occhi mentre vi parlo, ero solito farlo, ma ho bisogno di inclinare la testa o guardare verso il basso per controllarmi, ma non troppo velocemente, altrimenti c'è la possibilità che io rovini sul pavimento per il capogiro o non sia più in grado di interagire con la realtà che mi circonda. E poi il linguaggio, se non mi concentro o parlo troppo velocemente, non riesco a coordinarlo, mi perdo delle consonanti e vi garantisco essere molte, spesso devo ripetere ciò che dico perché non vengo compreso ed è imbarazzante. Inutile dirvi che anche solo farmi la barba o apporre una firma su di una delle vostre solite scartoffie per il consenso al consenso del consenso, risulti un'impresa epico-epocale. Ora, a fronte e anche a retro di tutto ciò, ditemi se secondo voi sto bene. Altro giro di brandy, signori?".

9 commenti:

CervelloBacato ha detto...

E nonostante tutto... resti di un'ironia pungente. Non so come fai, ma lo fai bene. Sei un grande.

S. ha detto...

ha ragione Cervello, ti ammiro!
però ti vedrei con un bel bastone con manico d'argento intarsiato, come un signorotto primo novecento.
a presto!

Fog ha detto...

secondo me stai benissimo. altro giro di brandy…

Arcal ha detto...

posso solo immaginare quello che provi e che stai passando....
forse anche ogni parola di incoraggiamento potrebbe essere inutile... ma tifo per te e siamo in tanti a tifare per te.

comunque si, altro giro di brandy, sempre disponibile.

Bill Lee ha detto...

Beh il bastone da passeggio col pomello in bronzo un pò te lo invidio.

Mosca d'Autore ha detto...

Leggerti è sempre un gran piacere... E come promesso, dopo secoli, rieccomi anche a lasciare commenti... Ma anche senza commento il mio passaggio c'è sempre... Ah non offenderti se io invece che con il brandy brinderò con un buon bicchiere di vino... A proposito a quando la bevuta?

Lorenzo ha detto...

La verità è che mi metti in imbarazzo. Mi fai sentire una merda e ti ringrazzo. Io e le mie menate del cazzo. Un abbrazzo.

S. ha detto...

caro Matteo, ho chiuso il blog, ma ci tenevo particolarmente a salutarti
per quanto mi sarà possibile cercherò di leggerti e mi aspetto buone notizie
un bacio.
forse questo è meglio che lo tieni per te.ciao!

angeloblu ha detto...

mi riesce complicato dire qualcosa davanti a tutto questo, dire mi dispiace tanto, non lo so, non mi sembra abbastanza ma lo dico davvero con assoluta sincerità, quando ho saputo sono stata male, tu sai l'affetto che provo per te da sempre sei una delle poche persone qui con la quale c'è sempre stato un rapporto sincero bello ed è rimasto così nel tempo, non so come spiegarlo sei una persona vera così ti sento, io continuo a leggerti e con la speranza che tutto vada meglio. Un abbraccio carissimo!