_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

12 maggio 2015

ALLUZZAMENTO ARREMBANTE


Il bisogno di rock che sento, è difficilmente esprimibile. La ciclica necessità, nella mia culotta cranica, di un drumming potente ed incalzante a fare da colonna portante a riff di chitarre grosse e sporcamente distorte e alle metriche di una vocalizzazione più o meno melodica, batte i piedi per riempire da sola la scena. Voi ignoratela. Potrei eccedere eccessivamente ed eccezionalmente con eccentrica ed eccelsa eccitazione. Gesti osceni messi ad asciugare sotto la lingua. La gravità si prenderà qualche giorno di vacanza e mi lascerà circondato di cose che non cadono.

6 commenti:

Liberio ha detto...

Pathos!

Arcal ha detto...

E' impossibile da ignorare questo rock che ti ronza nella culotta cranica! :P

Anto ha detto...

Rock... un chiodo fisso ormai

Nella Crosiglia ha detto...

Bene con sensazioni meno ruspanti , siamo in due ad averne bisogno Squilibrato mio e dicano pure , ma siamo così!
Bacio!

Squilibrato ha detto...

Neanche io so come vivere… sto improvvisando!

NERO_CATRAME ha detto...

DEve essere la pioggia di colonia sonora.